martedì , 30 Novembre 2021

L’Acquario di Napoli

L’Acquario di Napoli ha riaperto al pubblico dopo molto tempo. L’Acquario di Napoli, dentro la Villa Comunale, è il più antico d’Italia e consta di 180 metri cubi di acqua in 507 metri quadrati con 19 vasche, 9 habitat diversi e 200 tra specie animali e vegetali.  Fu fondato nel 1872 da Anton Dohrn, che dà il nome alla struttura, un naturalista e zoologo grazie a cui si è potuto procedere all’osservazione diretta del mare, alla divulgazione e al finanziamento della ricerca.  La visita all’Acquario ci porterà alla scoperta del nostro mare, dalla costa verso il largo tra posidonie, grotte, anfratti, il coralligeno degli abissi, l’ambiente pelagico, tra le specie degli scogli mediterranei e tra specie aliene. Molto interessante è il murenario, luogo di allevamento delle murene ideato dai Romani che si trova anche nell’Area Marina Protetta della Gaiola. Una novità è la vasca col polpo, che ha un ciclo vitale di due anni ed è molto intelligente, quasi come i mammiferi.